Google+

Twitter

Fans

Articoli

Commenti

Membri

Noci e arance: ecco i cibi che prevengono i tumori

In autunno e in inverno fate il pieno di vitamina C e di grassi buoni mangiando tanti agrumi e frutta secca.
Una vita sana e regolare e un’alimentazione equilibrata fanno vivere bene e più a lungo.Chi fa molta attività fisica, non subisce stress continui sul lavoro, beve poco, non fuma e si alimenta in modo corretto vive più a lungo. È quello che affermano ormai da tempo medici e nutrizionisti e non sembra ci sian più alcun dubbio a riguardo.Seguire una dieta non è un dovere solo per chi deve perdere peso, ma dovrebbe essere la regola per tutti. Attenzione, non stiamo parlando di un regime ipocalorico da seguire per tutta la vita, ma semplicemente di un modo di approcciarsi al cibo diverso.
Il cibo non è solo godimento e piacere, ma anche e soprattutto fonte di energia. Energia buona, è chiaro! Esistono alimenti ricchi di proprietà benefiche per l’organismo che ci aiutano a prevenire l’insorgere di malattie molto gravi come i tumori.Ne elencheremo solo alcuni più o meno comuni sulle nostre tavole.Sappiamo benissimo che le arance e gli agrumi in generale sono un toccasana quando in inverno arrivano influenza, raffreddore e mal di gola. Questo perché contengono il limonene che è tra l’altro uno stimolante che elimina le sostanze che causano il cancro.Anche le carote aiutano a prevenire una vasta gamma di tumori, tra cui quello ai polmoni, alla bocca, alla gola, allo stomaco, all’intestino, alla vescica, alla prostata e alla mammella.
L’Istituto Danese di Scienze Agrarie (DIAS) ha trovato una sostanza presente nelle carote capace davvero di prevenire i tumori: il falcarinolo. Questa ricerca ha studiato la reazione di alcune cellule tumorali isolate che, a contatto con questa sostanza, rallentano la loro crescita. Ovviamente parliamo sempre di carote crude perché, una volta cotte, perdono i loro principi attivi come avviene per tutta la frutta e la verdura. È anche vero che di recente alcune ricerche hanno indicato nel beta-carotene, una sostanza di cui le carote sono ricche, una fra le cause del cancro, ma non è mai stato dimostrato nulla scientificamente. Per trovare un nesso si dovrebbe arrivare ad ingerire una quantità pari a 3 kg di carote al giorno e sembrerebbe decisamente improbabile.
Sempre parlando di frutta e ortaggi, non bisogna sottovalutare il potere dell’avocado che è ricco di glutatione, un potente antiossidante che attacca i radicali liberi nel corpo bloccando l’assorbimento intestinale dei grassi. L’avocado, inoltre, è più ricco di potassio rispetto alle banane e ha anche un’alta percentuale di beta-carotene.Broccoli, cavoli e cavolfiori hanno invece una componente chimica chiamata indolo-3-carbinolo, in grado di combattere il cancro al seno. I broccoli, in particolare, contengono anche il sulforano fitocomico, un grande alleato nella prevenzione del cancro al colon o al retto. Sempre parlando di broccoli e cavoli, capitolo a parte merita la glucorafanina, una sostanza che aiuta ad inibire la crescita di tumori. Il Dipartimento di Agricolutra Americano ha analizzato a tal fine ben 71 tipi di piante di broccoli e ha dedotto che più il sapore dell’ortaggio è amaro, più è ricco di glucorafanina.
Tra gli alimenti anti-tumorali meno comuni nella nostra dieta ci sono infine le alghe che contengono proteine, vitamina B12, fibre, clorofilla, nonché importanti acidi grassi che possono aiutare nella lotta al cancro al seno. Hanno, inoltre, un’alta concentrazione di minerali come potassio, calcio, magnesio, ferro e iodio. Via: msn


Foto del profilo di ioriyagami3
Autore:  In: HD, Salute e benessere
Condividi questa news con i tuoi amici su


Scrivi un Commento